coumadin 30 compresse 5mg warfarin bristol-myers squibb srl

Che cosa è Coumadin 5 mg compresse 30 compresse divisibili?

Coumadin compresse prodotto da bristol-myers squibb srl
è un farmaco etico della categoria specialita' medicinali con prescrizione medica che appartiene alla fascia A che comprende tutti i farmaci essenziali e per malattie croniche, che sono gratuiti per il cittadino, su questi farmaci le Regioni sono comunque libere di applicare eventualmente un ticket .
Coumadin risulta in commercio nelle farmacie italiane
E' utilizzato per la cura di antitrombotici.
Contiene i principi attivi: warfarin sodico
Composizione Qualitativa e Quantitativa: warfarin sodico. Codice AIC: 016366027

E' utilizzato per warfarin

Coumadin 5 mg compresse 30 compresse divisibili

Contiene principi attivi: Warfarin sodico.


Il prodotto coumadin 30cpr 5mg è una formulazione in confezione del farmaco coumadin

Consulta la pagina dedicata al farmaco coumadin

Categorie del prodotto:

Quanto Costa ?

Il prodotto Coumadin 30cpr 5mg è in vendita in 2 Negozi online

Il prezzo più basso negli ecommerce autorizzati alla vendita online è di 2,17 €

Il prezzo di riferimento al pubblico è di circa 2,17 €

Le informazioni sul prezzo e le offerte nei negozi online sono fornite da prezzifarmaco.it

Coumadin 30cpr 5mg è detraibile in dichiarazione dei redditi ?

Coumadin 30cpr 5mg è un farmaco etico e perciò è detraibile in dichiarazione dei redditi

Informazioni e Indicazioni, a cosa serve coumadin 30cpr 5mg?

Profilassi e terapia dell'embolia polmonare, della trombosi venosa profonda, della tromboembolia arteriosa associata a fibrillazione atriale cronica, a protesi dispositivo utilizzato per sostituire almeno parzialmente una parte del corpo umano che non è più in grado di operare correttamente.... Leggi valvolari cardiache meccaniche o biologiche, a trombosi murale intracardiaca, a infarto miocardico acuto. Profilassi del reinfarto.

Posologia e modo di somministrazione

La dose Quantità di medicamento da somministrare in una sola volta (rappresenta, cioè, un'unità posologica). Esistono, pertanto, forme farmaceutiche monodo... Leggi deve essere individualizzata secondo la risposta del pazienteal farmaco, come indicato dal monitoraggio il monitoraggio cardiotocografico è la registrazione del battito cardiaco del feto, eseguita con un apparecchio particolare.... Leggi giornaliero del tempo di protrombina (PT) ed espresso secondo il Rapporto Internazionale Normalizzato (INR). Una dose Quantità di medicamento da somministrare in una sola volta (rappresenta, cioè, un'unità posologica). Esistono, pertanto, forme farmaceutiche monodo... Leggi di carico elevata puo' aumentare il rischio di emorragia e di altre complicazioni, non offre una protezione piu' rapida contro la formazione dei trombi e non viene quindi raccomandata. Si raccomandano dosi iniziali basse nei pazienti anziani, debilitati o che possono avere un INR maggiore di quello previsto in risposta al farmaco. Si raccomanda di iniziare la terapia usando dosi da 2.5 a 5 mg algiorno con aggiustamenti del dosaggio Indica la quantità, la frequenza e il numero delle dosi da assumere in un determinato periodo di tempo (per esempio, tre compresse da 100 mg per due ... Leggi basati sulle determinazioni dell'INR. La maggior parte dei pazienti viene mantenuta a dosaggi da 2,5 a 10 mg al giorno con risultati soddisfacenti. La dose Quantità di medicamento da somministrare in una sola volta (rappresenta, cioè, un'unità posologica). Esistono, pertanto, forme farmaceutiche monodo... Leggi individuale e gli intervalli di Somministrazione Introduzione di un farmaco nell'organismo.... Leggi devono essere determinati in base aivalori di INR del paziente. La durata della terapia e' individuale; in genere, la terapia anticoagulante deve essere continuata finche' e' superato il rischio di trombosi ed embolia. Essendo a disposizione dati limitati, nei pazienti con valvole cardiache biologiche, si raccomanda la terapia con warfarin (INR 2-3) per 12 settimane a partire dall'inserimento della valvola. Una terapia a piu' lungo termine deve esserepresa in considerazione per i pazienti con fattori di rischio aggiuntivi, quali fibrillazione atriale o pregressa tromboembolia. In caso diINR maggiore di 5 il paziente deve immediatamente sospendere l'assunzione. Non sono disponibili informazioni sufficienti provenienti da studi clinici controllati sull'uso nei bambini. Sono raccomandate dosi iniziali basse nei pazienti anziani e/o pazienti debilitati. Con eparina: dato che intercorre un intervallo di circa 12-18 ore fra la Somministrazione Introduzione di un farmaco nell'organismo.... Leggi della dose Quantità di medicamento da somministrare in una sola volta (rappresenta, cioè, un'unità posologica). Esistono, pertanto, forme farmaceutiche monodo... Leggi iniziale ed il prolungamento terapeutico del tempodi protrombina e un ritardo di 36-72 ore per il raggiungimento dell'effetto anticoagulante globale, in situazioni di emergenza (es. emboliapolmonare), somministrare inizialmente eparina sodica insieme aal farmaco.

Effetti indesiderati

Emorragia fatale o non fatale in qualsiasi tessuto od organo. Questa e' una conseguenza dell'effetto anticoagulante. I segni, i sintomi e la gravita' variano in relazione alla posizione, al grado e all'estensione del sanguinamento. Le complicazioni emorragiche si possono presentare come paralisi; parestesia; mal di testa, dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi al petto, all'addome, alle articolazione, dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi muscolare o di altro tipo; vertigini, fiato corto, difficolta' nel respirare o nell'ingoiare; gonfiore insolito; debolezza; ipotensione o shock non spiegabile. Percio' in ogni paziente, in trattamento con anticoagulanti, con un disturbo per cui non ci sia una diagnosi ovvia, bisogna considerare la possibilita' di un'emorragia. Il sanguinamento durante terapia anticoagulante non sempre e' correlato con i valori di PT/INR. Il sanguinamento che avviene quando il PT/INR e' all'interno dell'intervallo terapeutico giustifica un'indagine diagnostica, poiche' puo' mascherare una precedente lesione non sospettata, es. tumore, ulcera, ecc. - necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi cutanea o di altri tessuti. Effetti collaterali che si sono presentati raramente sono: ipersensibilita'/reazioni allergiche, microembolizzazione colesterinica sistemica, sindrome insieme di tutti i sintomi che caratterizzano una malattia.... Leggi della dita porporine, epatite, danno epatico colestatico, ittero, innalzamento degli enzimi epatici, vasculite, edema, febbre, rash, dermatite, incluse eruzioni bollose, orticaria, dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi addominale inclusi crampi, flatulenza/meteorismo, faticabilita' , letargia, malessere, astenia, nausea, vomito, diarrea, dolore, mal di testa, vertigini, alterazione del gusto, prurito, alopecia, intolleranza al freddo e parestesia con sensazione di freddo e brividi. Raramente, in seguito ad uso prolungato del medicinale, sono stati riportati casi di calcificazione tracheale e tracheobronchiale di cui non e' noto il significato clinico. Il priapismo e' stato associato all'uso di anticoagulanti, comunque non e' stata stabilita una connessione causale.

Forme Farmacologiche

Coumadin per poter essere somministrato deve essere trasformato in una forma farmaceutica (o forma di dosaggio o medicamento composto), ovvero deve assumere un aspetto tale che possa essere somministrato attraverso la via prescelta (es orale, endovena ecc.) e nel dosaggio desiderato.

Il farmaco coumadin è disponibile nelle seguenti formulazioni:


Consulta la pagina dedicata a farmaco coumadin

Controindicazioni ed effetti secondari

Ipersensibilita' al warfarin o ad ogni altro componente. E' controindicato in qualunque condizione fisica, localizzata o generale, o in qualsiasi circostanza personale per cui il rischio di emorragia possa essere maggiore del beneficio Clinico Relativo alla manifestazione di una malattia.... Leggi atteso, come nelle seguenti situazioni. Gravidanza o in pazienti che intendono iniziarne una, poiche' il farmaco attraversa la barriera placentare e puo' causare emorragie fatali del feto in utero. Sono stati anche riportati casi di malformazioni congenite in bambini le cui madri erano state trattate. Tendenze emorragiche e discrasie ematiche. Intervento chirurgico recente o previsto al: sistema nervoso Protagonista principale del dolore è il nostro sistema nervoso, un estesissimo apparato di comunicazione simile a una rete telefonica, con il cervell... Leggi centrale, occhio, chirurgia traumatica associataa grandi ferite esposte. Tendenze emorragiche associate ad ulcerazioni attive o sanguinamento in atto da: tratto gastrointestinale, genito-urinario e respiratorio; emorragia cerebrovascolare; aneurisma cerebrale, aneurisma dissecante dell'aorta; pericardite, effusione pericardica; endocarditi batteriche. Minaccia d'aborto, eclampsia e preeclampsia. Strutture di laboratorio inadeguate. Pazienti anziani senza adeguatosupporto, alcolismo, psicosi, o altre forme di mancanza di collaborazione da parte del paziente. Puntura lomabare ed altre procedure diagnostiche o terapeutiche che possono causare sanguinamento. Erba di San Giovanni (Hypericum Perforatum): preparazioni a base di Hypericum perforatum non devono essere assunte in contemporanea con warfarin a causa del rischio di decremento dei livelli plasmatici e di diminuzione dell'efficacia terapeutica di warfarin. Miscellanea: anestesia lombare o regionale maggiore, ipertensione aumento permanente della Pressione Forza esercitata dal sangue sulle pareti di Arterie Vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore ai vari distretti dell'organismo.... Leggi e vene.... Leggi sanguigna al di sopra dei valori normali.... Leggi maligna, deficit di proteina C, poliartrite.

Avvertenze

I rischi piu' gravi associati alla terapia anticoagulante con warfarin sodico sono emorragie nei tessuti o organi e, meno frequentemente (0.1%), necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi e/o cancrena cutanea e di altri tessuti. Il rischio di emorragia e' correlato all'intensita' e alla durata della terapia anticoagulante. In alcuni casi e' stato riportato che emorragia e necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi hanno provocato la morte o invalidita' permanente. La necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi sembra essere associata a trombosi Locale Che interessa una determinata e limitata parte del corpo umano.... Leggi e generalmente appare pochi giorni dopo l'inizio della terapia anticoagulante. In casi di grave necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi e' stata necessaria la rimozione chirurgica o l'amputazione dei tessuti coinvolti, dell'arto, della mammella o del pene. Deve essere effettuatauna diagnosi attenta per determinare se la necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi possa essere causata da una patologia preesistente, non diagnosticata. Se si sospetta che warfarin sia la causa della necrosi, la terapia deve essere interrotta e si puo' prendere in considerazione una terapia anticoagulante coneparina. Sebbene siano stati provati vari trattamenti per la necrosi,nessuno si e' dimostrato uniformemente efficace. Questi ed altri rischi associati alla terapia anticoagulante devono essere valutati rispetto al rischio di trombosi o di embolizzazione in pazienti non trattati. Tenere sempre presente che il trattamento di ciascun paziente e' unaquestione altamente individualizzata. Molti fattori, quali assunzionedi altri farmaci e di Vitamina K attraverso la dieta, possono avere un effetto sul prodotto che e' un farmaco con un indice terapeutico ristretto. Il dosaggio Indica la quantità, la frequenza e il numero delle dosi da assumere in un determinato periodo di tempo (per esempio, tre compresse da 100 mg per due ... Leggi deve essere controllato attraverso determinazioni periodiche del tempo di protrombina (PT)/ Rapporto Internazionale Normalizzato (INR) o altri test di coagulazione processo che permette di controllare la fuoriuscita del sangue da ferite.... Leggi idonei. La determinazione della coagulazione processo che permette di controllare la fuoriuscita del sangue da ferite.... Leggi del sangue intero e del tempo di sanguinamento non sono misure efficaci per il controllo della terapia. L'eparina prolunga il tempo di protrombina. Prestare molta attenzione quando il medicinale e' somministrato a pazienti con fattori di predisposizione che possano aumentare il rischio di emorragia, necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi e/o cancrena. La terapia anticoagulante puo' aumentare il rilascio di placche ateromatose emboliche e quindi innalzare il rischio di complicazioni dovute a microembolizzazione colesterinica, compresa la sindrome insieme di tutti i sintomi che caratterizzano una malattia.... Leggi delle dita porporine. Quando si presentano questi fenomeni, si consiglia di interrompere la terapia. Gli ateroemboli sistemici e i microemboli colesterinici si possono manifestare con una serie di segni e sintomi fra cui: sindromedelle dita porporine, livedo reticularis, rash cutaneo, cancrena, dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi intenso e improvviso alle gambe, ai piedi o alle dita dei piedi; ulcere ai piedi; mialgia, cancrena del pene; dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi addominale, dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi alla schiena o al fianco; ematuria; insufficienza renale; ipertensione; ischemia cerebrale; infarto del midollo spinale; pancreatite; sintomi che simulano poliarterite o ogni altra conseguenza della compromissione vascolare dovuta ad occlusione embolica. Gli organi viscerali piu'comunemente coinvolti sono i reni, seguiti da pancreas, milza organo centro di produzione dei globuli bianchi e di riserva dei globuli bianchi.... Leggi e fegato. Alcuni casi hanno portato fino a necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi o morte. La sindrome insieme di tutti i sintomi che caratterizzano una malattia.... Leggi delledita porporine e' una complicazione della terapia anticoagulante orale caratterizzata da un colore scuro, violaceo o chiazzato delle dita dei piedi; generalmente si manifesta 3-10 settimane, o piu', dopo l'inizio della terapia con warfarin o composti analoghi. Le caratteristicheprimarie di questa sindrome insieme di tutti i sintomi che caratterizzano una malattia.... Leggi sono: colore violaceo della superficie plantare e laterale delle dita dei piedi, tale colorazione si attenua con una moderata pressione, mentre si intensifica con il sollevamento delle gambe; dolore Il dolore è un allarme del nostro corpo finalizzato a richiamare l'attenzione nei confronti di qualche disfunzione o malattia allo scopo di protegger... Leggi e sensibilita' delle dita; intensificazione e diminuzione della colorazione nel tempo. Benche' venga riportato che la sindrome insieme di tutti i sintomi che caratterizzano una malattia.... Leggi delle dita porporine sia reversibile, ci sono stati casi che hanno portato a cancrena o necrosi, per i quali puo' essere stato necessario intervenire con asportazione chirurgica delle parti lese o anche con amputazione. Usare con cautela nei pazienti con trombocitopenia eparino-indotta e trombosi venosa profonda, in cui si sono verificati casidi ischemia venosa agli arti, necrosi morte delle cellule di un tessuto che può essere causata da un mancato afflusso di sangue.... Leggi e cancrena, quando il trattamento con eparina e' stato interrotto e la terapia con warfarin iniziata o continuata. In alcuni pazienti le conseguenze hanno portato ad amputazione delle parti lese e/o a morte (Warkentin et al, 1997). Un forte innalzamento (>50 secondi) del tempo di tromboplastina parziale attivata (APTT) con un PT/INR nell'intervallo desiderato e' stato identificato come un indice di aumentato rischio di emorragia postoperatoria. Ladecisione di somministrare farmaci anticoagulanti nelle seguenti situazioni deve essere presa valutando il rapporto rischio/beneficio dellaterapia anticoagulante: moderata insufficienza epatica o renale; malattie infettive o disturbi nella flora intestinale; trauma che puo' portare ad emorragie interne; operazioni chirurgiche o traumi risultanti in ampie ferite esposte; cateteri fissi; ipertensione aumento permanente della Pressione Forza esercitata dal sangue sulle pareti di Arterie Vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore ai vari distretti dell'organismo.... Leggi e vene.... Leggi sanguigna al di sopra dei valori normali.... Leggi grave o moderata; deficit noto o sospetto di proteina C; miscellanea. Sono state riportate lievi e gravi reazioni allergiche, di ipersensibilita' e anafilattoidi. Pazienti con insufficienza cardiaca malattia per cui il cuore non è più in grado di pompare sangue in maniera adeguata.... Leggi congestizia possono mostrare un PT/INR maggiore del previsto, quindi sono necessari piu' frequenti controlli di laboratorio e dosi di prodotto ridotte. L'uso concomitante di anticoagulanti e streptochinasi o urachinasi non e' consigliatoe puo' essere pericoloso. L'erba di San Giovanni (hypericum perforatum) puo' diminuire l'effetto del farmaco.

Composizione ed Eccipienti

Amido, magnesio stearato, acido stearico, lattosio.

Gravidanza e Allattamento

E' controindicato in gravidanza. In donne esposte a warfarin durante il primo trimestre della gravidanza sono state riportate embriopatie caratterizzate da ipoplasia nasale con o senza epifisi appuntite (crondrodisplasia puntata). Sono state riportate anche anomalie del sistema nervoso centrale sistema di cui fa parte il cervello Le sensazioni più deboli, come un leggero senso di freddo o caldo, passano al centro sensibile della corteccia cerebrale, dove vengono ricevuti prima... Leggi e che è la sede della formazione dei pensieri, delle funzioni vitali (respiro, frequenza del cuore), dei moviment... Leggi fra cui displasia della linea mediana dorsale, caratterizzata da agenesi del corpo calloso; malformazione di Dandy-Walker eatrofia cerebellare della linea mediana. E' stata osservata displasiadella linea mediana ventrale, caratterizzata da Atrofia Diminuzione di volume di un organo (v) o tessuto (v).... Leggi ottica e anormalita' dell'occhio. L'esposizione al warfarin durante il secondo e ilterzo trimestre e' stata associata a ritardo mentale, cecita', e altre anomalie del sistema nervoso Protagonista principale del dolore è il nostro sistema nervoso, un estesissimo apparato di comunicazione simile a una rete telefonica, con il cervell... Leggi centrale. Anche se raramente, con esposizione in utero al warfarin sono state riportate anomalie delle vie urinarie come monorene, asplenia, anenecefalia, spina bifida, paralisi dei nervi cranici, idrocefalo, difetti cardiaci e malattie cardiache congenite, polidattilia, deformita' delle dita dei piedi, ernia diaframmatica, leucoma della cornea, palatoschisi, cheiloschisi, schizoencefalie, microencefalia. E' noto che possono verificarsi aborto spontaneo emortalita' fetale, inoltre un piu' alto rischio di mortalita' fetale e' associato con l'uso di warfarin. Sono stati anche riportati neonatisottopeso e ritardi nella crescita. Le donne in eta' fertile, che sono candidate alla terapia anticoagulante, devono essere attentamente esaminate e deve essere effettuata una valutazione ragionevole delle indicazioni insieme alla paziente. Se una paziente inizia una gravidanza mentre sta prendendo questo farmaco, deve essere avvertita del potenziale rischio per il feto e, alla luce di questi rischi, puo' essere considerata la possibilita' di un'interruzione di gravidanza. Il medicinale e' presente nel latte materno in forma non attiva. I bambini allattati al seno da madri trattate non hanno avuto cambiamenti nei tempi diprotrombina (PT). Gli effetti sui neonati prematuri non sono stati valutati.

Interazioni con altri prodotti

E' essenziale che vengano effettuati controlli periodici del PT/INR odi altri adeguati test di coagulazione. Numerosi fattori esogeni ed endogeni, da soli o in combinazione, inclusi viaggi, variazioni della dieta, fattori ambientali, stato fisico e assunzione di altri medicinali, possono influenzare la risposta del paziente agli anticoagulanti. Solitamente e' buona norma controllare la risposta del paziente con ulteriori determinazioni del PT/INR nel periodo immediatamente successivoalla dimissione dall'ospedale e ogni qualvolta vengano assunti, sospesi o presi irregolarmente altri medicinali I medicinali possono interagire con questo attraverso meccanismi farmacodinamici o farmacocinetici. I meccanismi farmacodinamici alla base dell'interazioni farmacologiche sono: sinergismo (disordini dell'emostasi, sintesi ridotta dei fattori della coagulazione); antagonismo competitivo (vitamina K); disfunzioni nel controllo Fisiologico Normale/naturale.... Leggi del metabolismo della vitamina K (resistenza ereditaria). I meccanismi farmacocinetici alla base dell'interazione farmacologiche sono prevalentemente dovuti a induzio e enzimatica, inibizione enzimatica e legame ridotto alle proteine plasmatiche. E' importante notare che alcuni farmaci possono interagire con il medicinale con piu' di un meccanismo. L'efficacia terapeutica di warfarin potrebbe essere ridotta dalla Somministrazione Introduzione di un farmaco nell'organismo.... Leggi contemporanea di preparazioni a base di erba di San Giovanni (Hypericum perforatum). Monitorare attentamente i valori di INR, in quanto questi potrebbero aumentare dopo l'interruzione dell'assunzione di Hypericum perforatum. Il dosaggio Indica la quantità, la frequenza e il numero delle dosi da assumere in un determinato periodo di tempo (per esempio, tre compresse da 100 mg per due ... Leggi di warfarin potrebbe necessitare di un aggiustamento. Inoltre: dieta ad alto contenuto di vitamina K e determinazioni inaffidabili del PT/INR. Devono essere tenuti sotto controllo anche i pazienti che assumono medicinali per cui non e' stata dimostrata alcuna interazione con ifarmaci appartenenti alla famiglia delle cumarine; ogni volta si inizia o si sospende la terapia con questi medicinali, si devono controllare piu' frequentemente i valori di PT/INR. E' stato riportato che l'assunzione contemporanea di warfarin e ticlopidina puo' essere associataa epatite infezione del fegato che può essere causata da diversi virus Sono microrganismi non visibili neppure attraverso i comuni microscopi ottici, poiché le loro dimensioni raggiungono, al massimo, alcune centinaia di... Leggi e che quindi si presenta sotto varie forme.... Leggi colestatica. Questo prodotto interferisce anche con l'azione di altri medicinali, puo' infatti causare l'accumulo di ipoglicemizzanti orali (cloropropamide e tolbutamide) e di alcuni anticonvulsivanti (difenilidantoina e fenobarbitale), puo' inoltre interferire con il loro metabolismo ed escrezione. Usare con cautela in pazienti anziani o debilitati o in ogni condizione o situazione fisica che aumenti il rischio di emorragia. Le iniezioni intramuscolo di altri medicinali devono essere effettuate nella parte superiore del corpo in modo che ci sia facile accesso per la compressione manuale, per il controllo di un eventuale sanguinamento e per apporre bende comprimenti. Prestare attenzione quando viene somministrato contemporaneamente a farmaci antinfiammatori Sono farmaci in grado di inibire o risolvere l'infiammazione. Molto spesso hanno anche un'attività antipiretica e analgesica. Esistono, fondamentalme... Leggi non steroidei (FANS), compresa aspirina, accertandosi che nonsiano necessari cambiamenti nel dosaggio Indica la quantità, la frequenza e il numero delle dosi da assumere in un determinato periodo di tempo (per esempio, tre compresse da 100 mg per due ... Leggi dell'anticoagulante. I FANS,compresa aspirina, oltre ad avere una specifica interazione farmacologica con il medicinale che puo' modificare i valori di PT/INR, possonodi per se' inibire l'aggregazione piastrinica e causare sanguinamentogastrointestinale ed ulcerazioni e/o perforazioni gastrointestinali. Se sono necessarie alte dosi per mantenere il PT/INR del paziente nel normale intervallo terapeutico, prendere in considerazione l'ipotesi di una resistenza al warfarin acquisita o ereditaria. Non sono stati effettuati studi di mutagenesi e carcinogenesi, ne' sono stati valutati i sui effetti sulla riproduzione. L'uso in pediatria e' ben documentato per il trattamento e la prevenzione di eventi tromboembolici. E' stato riportato che nei bambini puo' essere difficile raggiungere e mantenere un PT/INR nell'intervallo terapeutico. Si consigliano determinazioni del PT/INR piu' frequenti. Pazienti al di sopra dei 60 anni mostrano un PT/INR maggiore del previsto in risposta all'effetto anticoagulante di warfarin. E' controindicato in pazienti anziani senza un adeguato supporto. Prestare attenzione nel somministrare warfarin a pazientianziani in ogni situazione o condizione fisica che aumenti il rischiodi emorragia. Nei pazienti anziani si raccomandano basse dosi iniziali.

Come Conservare il prodotto

Non conservare al di sopra di 30 gradi C.

Categoria terapeutica